EL ZIO MATT

Commedia in due atti di Guido Bertini
Regia di Elio Beretta

Compagnia INSTABILE - Lesmo

Lo zio da tutti catalogato matto e perciò allontanato anche dagli affetti familiari, irrompe improvvisamente nella vita familiare delle due sorelle e ne travolge abitudini e sicurezze con stravaganti ma coinvolgenti iniziative.
Tra comportamenti certamente non conformistici e sorprendenti dinamiche relazionali che continuano ad alimentare il dubbio sull'equilibrio mentale dello zio, spunta la prospettiva di una inattesa ma consistente ricchezza che lo zio potrebbe avere accumulato grazie ad una dose di fortuna e di casualità pari solo alla sua apparente irrazionale impulsività.
La concreta possibilità della insperata eredità scatena interessi, passioni ed appetiti la cui realizzazione è affidata a maldestri progetti per continuare a mantenere lontano lo zio senza però rinunciare al benessere prodotto dalla sua improvvisa comparsa.
L'intera vicenda è affidata ad una nidiata di caratteri e di sensibilità rivelate e messe a fuoco dall'apparizione dell'inatteso zio supposto "matto". L'intreccio recitativo si avvale di una trama dinamica fatta di rapidi ed avvincenti confronti caratteriali dai risvolti assolutamente divertenti che sembrano accompagnare lo spettatore ad identificarsi ora nell'uno ora nell'altro dei protagonisti alla ricerca di un ragionevole equilibrio tra il desiderio di quel grado di pazzia alla quale ognuno vorrebbe di tanto in tanto affidarsi e la necessità di mantenere il livello di ragionevolezza che la civile convivenza impone.
La rappresentazione dei migliori sentimenti si alterna in scena con la manifestazione delle tentazioni di irrazionali istinti generando un continuo coinvolgimento emotivo e l'immancabile generale ilarità fino al colpo di scena finale.

www.compagniadelquadrifoglioarcore.com